Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» MARIA GRAZIA MELUSO IN GIUSTINIANI
Mer Ott 11, 2017 12:05 pm Da Admin

» XXXANNO 2017XXX
Lun Set 18, 2017 9:53 am Da Admin

» Aiuto personale
Mer Set 21, 2016 8:07 pm Da Admin

» MAGGIO 2016
Gio Mag 12, 2016 7:25 pm Da Admin

» A MIA MAMMA
Gio Gen 28, 2016 10:44 am Da stefocap76

» Ci accorgiamo sempre troppo tardi
Gio Gen 28, 2016 10:39 am Da stefocap76

» Gennaio 2016
Lun Gen 25, 2016 8:31 pm Da Admin

» Ci ha lasciato Mario Maini
Mar Gen 05, 2016 10:35 am Da Admin

» Novembre dal1 al 30
Mer Nov 04, 2015 10:19 am Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

La Femmina-Europa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La Femmina-Europa

Messaggio  Admin il Mar Gen 01, 2013 12:51 pm

L'itinerario verso l’indifferenziazione dei sessi, e di conseguenza degli esseri, è stato avviato dalle Istituzioni del Potere politico, evidentemente tutte d’accordo fra loro, dagli anni Settanta in poi senza che ce ne sia stato detto nulla. Il motivo è chiaro: si tratta di giungere all’uniformità degli individui per poter governare democraticamente tutti allo stesso modo. La democrazia è lo strumento omogeneizzatore, al di là delle lingue, delle razze, delle religioni. Si parla infatti sempre più spesso di un “governo mondiale” senza che i popoli protestino. Se c’è qualcuno che non sembra disposto a un simile livellamento viene subito collocato fuori dal gruppo, fra i più terribili eversori, incapaci di vedere quanto sia bello un mondo nel quale tutti sono uguali, sono governati nello stesso modo e godono di identici diritti. La trappola ovviamente sta lì. Se si è tutti uguali, quale sarà il modello di riferimento per l’uguaglianza? Uguali a chi? Quando con il femminismo le donne hanno voluto essere uguali, avevano come modello i maschi; adesso sembra di intravedere l’emersione, a livello di Potere esplicito, dell’omosessuale, maschio ovviamente, il che significa che il circolo della comunicazione si è chiuso su se stesso: una “società” esiste come tale in quanto c’è comunicazione e scambio fra i vari individui e gruppi di individui e in quanto procrea altri individui.

L’Europa sta correndo il rischio più grave: l’assolutizzazione del proprio Potere da parte delle Istituzioni di governo, le uniche che sfuggono all’omogeneizzazione europea e mondiale in quanto debbono controllarla e regolarla. Non per niente assistiamo in questi giorni alla corsa che tutti fanno verso i posti politici: sono gli unici “maschili”. Si può dire che l’Europa ha assunto la posizione di “femmina” agli occhi del mondo: “accoglie” tutti nel suo morbido ventre; ha bandito le guerre e i corpi militari; tende ad ampliare il suo territorio con un movimento uterino di “inclusione” dentro di sé di altri popoli e di altre nazioni (il linguaggio ne è la spia migliore: “si entra” o “si esce” dall’Europa), praticamente rinunciando a determinare quali siano i suoi confini e comunque a difenderli. E’ l’Amante-Madre ideale, quella che nella realtà non esiste se non nella fantasia possessiva degli omosessuali, ma che i governanti stanno cercando ossessivamente di modellare. Una specie di contrappasso all’Europa che ha “dato i natali” a Hitler, alla Madre cattiva che ha generato il nazismo.

Il mondo, però, è rimasto “maschio” ed è affascinato dalla assoluta novità di un’Europa prostituta che “si offre”, oscenamente compiaciuta del proprio essere femmina; stordito ma sedotto dalla sua volontà di essere presa, posseduta, dominata, sotto-messa; ipnotizzato dai segnali con i quali promette vortici di libidine masochistica mai sperimentati e goduti finora. Finalmente c’è adesso sulla scena una ricca, nobile femmina che anela a diventare la donna di tutti, che regala tutto ciò che possiede per poter essere “penetrata” fino all’annientamento, in un piacere estenuato al limite della morte, un piacere che nessun Sade avrebbe mai saputo immaginare.

I governanti d’Europa operano chiaramente ormai fuori dalla realtà. Hanno voluto e plasmato quest’Europa femmina e non sanno più cosa farne salvo che “mangiarsela” in bocconi piccoli o grossi nell’abbandono alla bulimia che accompagna sempre l’estremo limite della perversione sessuale. A che cosa somigliano se non a quei topi impazziti di Laborit, chiusi in uno spazio troppo piccolo, che cercano disperatamente un’uscita accoppiandosi e divorandosi indistintamente l’uno con l’altro fino alla morte?

_________________
[b]+BULLY e - BALLE
LADY HA PROMESSO DI ASPETTARMI...TUTTE LE VOLTE CHE..POSSO AVER BISOGNO DI LEI, ED IO SÒ CHE NE AVRÒ BISOGNO...COME SEMPRE NE HO. LEI È IL MIO CANE

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Technorati Tag: Pensieri, vlog, Vita, Forum, Animali, bulldog, cani, Cinofilia, massoneria, denunce, molossi, esoterismo
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 1769
Età : 67
Località : Italia
Data d'iscrizione : 10.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.caerebulldogs.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum